domenica 29 novembre 2015

Gufetto delle Nevi

Questo gufetto l'ho realizzato durante l'afa d'Agosto.
Quando fa troppo caldo, cerco pensieri e cose che mi rinfreschino le idee, il bianco e l'argento rimandano alla neve e al ghiaccio. Però, mentre lo cucivo, mi sono accorta che, in effetti, il mollettone aveva un aspetto caloroso, oltre che morbidoso, ma ormai era fatta!
Il Gufetto delle Nevi è in attesa di collocazione su una prossima ghirlanda, mentre la corona che vedete è un intreccio di rami d'olivastro, nelle tinte naturali. 











Collaborazione, per gli scatti fotografici: Cakes&Cakes- Lara

giovedì 26 novembre 2015

Fuoriporta o centrotavola veloce



A Novembre in famiglia festeggiamo tre compleanni, con relativi mazzi di fiori, che avevano per bordura queste belle foglie di aspidistra, che durano più delle rose, appassite dopo alcuni giorni. Mentre disfacevo i mazzi ho notato che l'aspidistra era ancora bella, così ho velocemente realizzato una ghirlanda fuoriporta che, all'occorrenza, può essere trasformata in centrotavola natalizio, sostituendo la sfera centrale, con una candela rossa.







La corona d'aspidistra utilizzata come fuoriporta. Io l'ho messa sul coperchio del caminetto, in salotto, che ho bardato a festa per l'occasione.

Sotto... per il centrotavola ho sostituito la sfera centrale con la candela, aggiungendo anche tre fiocchetti rossi. Lo vedete posato sulla tovaglia natalizia.







Facendo pace con David



Quando, circa quattro anni fa, decisi di frequentare un corso di disegno dal vero, dopo venticinque anni che non toccavo degnamente una matita, e il giovane maestro ci propose di ritrarre il busto del David, mi prese il malumore. In quale modo poteva pensare che un'incompetente come me disponesse delle capacità di disegnare l'emblema della bellezza nell'arte!!! Era un sacrilegio, non sarei mai stata all'altezza! Comunque il corso finì prima del tempo stabilito, e la sfida del David rimase a rodermi dentro. Più osservavo le sue foto e più lo vedevo perfetto, più lo detestavo. Insomma, alla fine ho sfidato me stessa e questo è il risultato. Finalmente ho fatto pace con David!













Ho scelto di non ritoccare le foto. Anche se la fotocamera che ho usato non era idonea a dare il giusto equilibrio al chiaroscuro, ottimizzando la resa del disegno, ho preferito così.

mercoledì 25 novembre 2015

Natale...autunnale!



Ispirata da tante blogger e creative che riutilizzano le bottiglie di PET, provo a concretizzare anch'io qualcosa. La mia tendenza a preferire materiali naturali, mi ha portato ad accostare questi ultimi alla plastica. Il risultato è una decorazione un po' bizzarra. Il fondo della bottiglia quasi sparisce, per diventare solo un supporto ricoperto di foglie d'alloro, ghiande, bacche di ginepro, gemme di pigne e piccolissimi galbuli di cipresso nano.















Nel pomeriggio domestico dei primi freddi autunnali, la piacevole oretta passata ad assemblare foglie e frutti essiccati, raccolti durante le passeggiate nella campagna estiva. Ogni tanto uno sguardo al cielo fosco, oltre i vetri appannati delle finestre, ad osservare il vento di maestrale che si dimena tra le vie, trascinando con sé le fronde esanimi, scompigliando le chiome dei rari passanti, sibilante attraverso le fessure. A rifinire il riquadro, una tazza di tè fumante e quattro chiacchiere spensierate in famiglia, riscaldati dal calorifero.

Collaborazione: scatti fotografici e ambientazione Cakes&Cakes- Lara

lunedì 23 novembre 2015

Rudolph portalettere con tutorial fotografico


La renna Rudolph questa volta ha un altro compito importante. A lei è affidata la letterina, con i desideri dei bambini di casa, da recapitare a Babbo Natale. Rudolph, appeso all'albero natalizio, custodirà la missiva, fino all'arrivo tanto atteso...








 
















Vi propongo il cartamodello, è un disegno fatto con la matita, a mano libera, graficamente è un po' grossolano, ma sostanzialmente utile allo scopo. Se vi piace lo potete ingrandire, o rimpicciolire, basandovi sulle dimensioni del rotolo di carta assorbente che avrete a disposizione. Ogni parte andrà ingrandita, o rimpicciolita, in egual proporzione..







Film
Rudolph, il cucciolo dal naso rosso Un cucciolo di renna che vive nel villaggio di Santa Claus, è angustiato dal fatto che il suo naso ha una insolita colorazione rossastra. A consolarlo ci penserà nientemeno che Babbo Natale in persona dicendogli che non sono importanti le differenze esteriori perché quello che veramente conta è ciò che si sente in fondo al cuore.



Tutorial fotografico
1-Ricalcate le parti con la carta da forno, 2-ritagliatele e 3-riportatele sul rotolo o sul cartoncino ondulato. Per dare ad ogni parte la giusta collocazione, basatevi sulle foto del modello in cartoncino. Sempre 3-iniziate ricavando il muso sulla parte anteriore, lasciando solo un pezzetto di attaccatura per il collo, dove collocherete il fiocco, 4-tagliate la parte eccedente sul retro. 5-Quindi ricavate i lembi delle zampe superiori, 6-cercando di dare alle estremità la forma di zoccolo, 7-che colorerete con un pennarello nero. Per il tutorial ho usato un rotolo più corto rispetto a quello del modello realizzato, quindi non vi mostro il taglio delle zampe inferiori, ma osservando le foto di Rudolph potete procedere facilmente, 8e9-inoltre vi propongo due soluzioni, che servono anche per non far cadere la letterina, una volta messa dentro il rotolo. Buon lavoro...ah, dimenticavo...non avevo previsto i bottoni per gli occhi, io ho riciclato anche quelli, voi se preferite li potete disegnare col pennarello!



















                                                                                                       

I prodotti usati per realizzare Rudolph, sono tutti riciclati. Il cartoncino ondulato è  residuo  di confezioni di crackers , tappi di plastica residui, rotolo residuo di carta assorbente da cucina, vecchi bottoni scuciti da un cardigan dismesso, nastrino rosso e campanellina riciclati dai coniglietti Lindt.






Con questo progetto partecipo alla raccolta Kreattiva blog addobbi albero di natale


domenica 22 novembre 2015

Tappi pendenti!

Una versione di riciclo tappi e bottoni tutta natalizia e alternativa. Ogni tanto mi lascio ammaliare dalla semplicità!
Con questo allestimento partecipo alla raccolta Natale da vivere 2015 di Decoriciclo e Africreativa







Sempre con lo stesso modulo dei tappi ho realizzato la stella da mettere sulla sommità dell'alberello alternativo.


Ai piedi dell'alberello, un biglietto con gli auguri scritti in diverse lingue.







                                     

               Ciondolanti tappi natalizi, per decorazioni alternative! 




Ho utilizzato dei vecchi bottoni dorati, li ho sempre visti dentro la scatola dei bottoni di mia mamma. Penso che alcuni risalgano agli anni settanta. I tappi bianchi sono di bottiglie PET. Perle di plastica rosse, nastrino di raso rosso, colla a caldo.






Con i tappi pendenti ho partecipato alla raccolta addobbi albero di Natale di Kreattiva !


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...